Senti chi parla!

Di Flavio Calabrese

Molti di noi pensano che i versi degli animali siano solo inutili suoni, privi di significato, ma si sbagliano.

Secondo gli studi di alcune università americane e tedesche, gli animali nel comunicare utilizzano “regole” simili  alle nostre: due scimmie, ad esempio, comunicano tra di loro come noi uomini: quando un interlocutore finisce una frase inizia l’altro e, incredibile ma vero, un gorilla può capire circa 800 parole del gergo umano.

Esistono dei versi animali che possono “attraversare” grandi distanze, per esempio quelli degli elefanti e delle megattere:

-Gli elefanti comunicano attraverso degli infrasuoni (suoni troppo bassi da poter essere sentiti dall’orecchio umano)

-Le megattere possono comunicare tra di loro tramite il “canto delle megattere” che può trasferire informazioni alla distanza di 400 km.

Diverso è il canto dei grilli che gli scienziati usano come “termometro”: i grilli, infatti, cantano ad intermittenza: più è elevata la temperatura più cantano.

 Alcuni versi di animali hanno nomi davvero bizzarri e a volte difficili da pronunciare. Ecco alcuni esempi:

-La volpe guaiola

-Il coniglio ziga

-Il cinghiale grufola

-Il cervo bramisce

-La cicala frinisce

-L’orso ruglia

-Il gufo bubola

-Il tacchino gloglotta

Vi proponiamo di seguito una tabella che riporta i versi degli animali in quattro lingue diverse (fonte: Focus Junior)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...